RSS

La favola di O(S)bama

17 Mag

L’altro giorno navigando sul web ho incontrato un articolo dell’Haaretz sul diritto di insegnare agli studenti israeliani la storia del Nakba: la tragedia per i palestinesi che dovettero lasciare (in maniera forzata) le proprie terre in massa portandosi dietro una Nakba che ancora perdura ai giorni nostri, dopo ben 63 (e più) anni di occupazione. Nel 2010 il buon governo israeliano ha pensato di proibire ogni tipo di manifestazione o ricorrenza che rimembri quel lutto, quella che per il popolo palestinese è la Tragedia e che per gli altri l’establishment e l’inizio dell’occupazione del territorio mediorientale.

Nella vita di tutti i giorni potremmo chiederci perché? Perché la “famosa democrazia” israeliana impedisce ai propri cittadini di imparare la storia della creazione artificiale dello stato di Israele?

Volevo dedicare il primo di una serie di perché alla tragedia palestinese, tanti perché e poche risposte, nel mentre tanti morti. I perché della storia, dell’attualità, della vita dei nostri giorni. I nostri governanti non rispondono ai nostri perché, ma è anche vero che son pochi i perché che poniamo ai nostri “benefattori”?

Parliamo di Bin Laden: il Re del terrore.

Qualche giorno fa, spostandoci un po’ più a est, il losco individuo verrebbe ucciso da un commando statunitense che da 4 anni si preparava a tal proposito (stavano studiando programmini per fare animazioni in 3D). La prima cosa che ho pensato è stata: perché non c’è nemmeno uno stralcio di prova a sostenere la veridicità di questa azione?  All’indomani del presunto assassinio ci sono ben 35 top conspiracy theories che vorrebbero chiedere a Obama di essere un po’ meno discreto, visto che in quella guerra contro il terrore ci partecipa il mondo intero.

Facciamo un passo indietro e ripartiamo dall’11 settembre 2001, dieci anni orsono.

Perché scegliere l’Afganistan come paese da bombardare se Al-Qaeda è una rete terroristica mondiale? Non che non conoscessi quel paese, ma vista la tecnologia utilizzata nei presunti 4 attentati, vedere un paio di talebani (senza screditare la loro ferocia) che girano con il cammello e 4 Kalashnikov un poco mi ha fatto sorridere… chi ha veramente fatto l’attentato l’11 settembre 2001? Bin Laden? Afganistan? Al-Qaeda? E chi sono tutti questi? Perché bombardare e ridurre in briciole l’Afganistan se i “principi del terrore” sono molto più probabilmente basati a Peshāwar in Pakistan? Meglio l’Afganistan come posizione strategica che il Pakistan (paese amico)? Essere nuovamente nel mezzo di India e Russia è più appetibile? Un coltello puntato in testa di uno e nella pancia dell’altro?

Nel 2001 ci furono ben 4 attentati: le 2 torri, il Pentagono e il presunto Boeing abbattuto in Pennsylvania.

Il Pentagono. In attesa di vedere un video (attesa che dura 10 anni) che mi dimostri qualcosa in più che 3 fotogrammi dove viene “fatto vedere” l’attentato al pentagono, mi chiedo perché, perché la celebrità della potenza militare USA non è capace di mostrarmi qualcosa in più? Perché non mostrano un video interno per giustificare che quello era veramente un Boing e non un missile (potrei “maliziosamente” pensare)? Forse che quel giorno non funzionavano le telecamere di vigilanza?

Boeing Pennsylvania. Perché non c’è sufficiente informazione circa il quarto Boeing “caduto” in Pennsylvania? Se dovessimo mettere su google: boeing strike Pennsylvania, la risposta di google è non la solita: forse stavi cercando…ma: lo stiamo ancora cercando!

Queste domande sono lecite, e ad oggi, dopo 10 anni, ancora non ho avuto una risposta esaustiva. Non sarò mica l’unico a porsi questi/e dubbi/domande?

Il volto “nero” del capitalismo americano acchiappa Bin Laden, in 12 ore lo posa nel profondo dell’oceano indiano e non mostra nemmeno una foto poiché, sostiene Obama: “sono scene atroci”. Sempre maliziosamente potrei porre uno, o più, dei miei perché: perché volete farci credere che questo sia successo diffondendo a livello mediatico una simulazione dell’operazione in 3D come prova dell’accaduto? In questo link troverete un annuncio importante: la Disney il prossimo natale si impegnerà a produrre giocattoli, film e videogiochi a commemorare l’impresa dei Navy Seal. Il fatto che questa operazione attragga un colosso dell’entertainment come da Disney la dice lunga…

Per chiudere vorrei chiedere perché han giustiziato un uomo senza neanche prima fargli un processo? Perché porsi al mondo come i portatori buoni di libertà e democrazia e non applicarne le regole basilari?

Crederci o meno alle tesi ufficiali USA penso sia un diritto di qualsiasi libero cittadino (e meglio se il cittadino è malizioso). Si, dovremmo essere tutti un po’ più maliziosi e cercare il pelo nell’uovo o l’ago nel pagliaio o un Boeing in Pennsylvania.

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17 maggio 2011 in Uncategorized

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: